20 agosto 2017

Il nostro scaffale

Lo Shelf è la sezione del sito in cui pubblichiamo brevi recensioni e schede di saggi: non review accademiche ma inviti a condividere le idee. Lo scaffale del CMDI si arricchirà nel corso del tempo di riferimenti e letture che reputiamo utili e interessanti per stimolare la conoscenza, la ricerca empirica o anche solo la curiosità di chi cerca ancora risposte alle tante domande sulla democrazia, sui processi sociali e politici, sull’uguaglianza di genere, sulla partecipazione e l’innovazione democratica.


Researching political participation: theoretical and empirical challenges

Theocharis, Y., van Deth, J. W. (forthcoming). “The continuous expansion of Citizen participation: a new taxonomy”, European Political Science Review. Doi: https://doi.org/10.1017/S1755773916000230

european_political%20science%20reviewAbstract: The repertoire of political participation in democratic societies is expanding rapidly and covers such different activities as voting, demonstrating, volunteering, boycotting, blogging, and flash mobs. Relying on a new method for conceptualizing forms and modes of participation we show that a large variety of creative, expressive, individualized, and digitally enabled forms of participation can be classified as parts of the repertoire of political participation. Results from an innovative survey with a representative sample of the German population demonstrate that old and new forms are systematically integrated into a multi-dimensional taxonomy covering (1) voting, (2) digitally networked participation, (3) institutionalized participation, (4) protest, (5) civic participation, and (6) consumerist participation. Furthermore, the antecedents of consumerist, civic, and digitally networked participation, are very similar to those of older modes of participation such as protest and institutionalized participation. Whereas creative, expressive, and individualized modes appear to be expansions of protest activities, digitally networked forms clearly establish a new and distinct mode of political participation that fits in the general repertoire of political participation.

 

Interview with the author Yannis Theocharis

1 – Why is it relevant to define and study the diverse forms of political participation?
Studying the new and diverse forms of participation is important for several reasons. First of all, people today participate in politics in all sorts of different ways. Many of these ways do not fit conventional definitions of participation, and thus remain largely underneath our research radar. This means that they are not operationalised and, as a consequence, not measured as political participation, though they might be of much political significance to those who use them – and indeed, for some people they may be the only way to get in touch with the political arena. Second, there has been much discussion about the decline of political participation and the dire health of democracy in Western societies. Yet much of this discussion relies on evidence that entirely overlooks the existence of a score of alternative forms of participation. While the decline in (some) conventional forms of participation is indeed troubling, the rise of participation in many diverse and new forms is an indication that things may not be as bad as some people may think, and open up an entirely new dimension of citizen participation that has been poorly explored.

2 – Focusing on “digitally networked participation”, you surveyed three forms of engagement (posting or sharing links, commenting, and encouraging others to mobilize). Why did you consider only those three? Which are the main differences between on line and off line activities?
Consideration of more digitally networked participatory acts in this study was not possible, so for purposes of comparability, we decided to stick to a small battery of questions that has been used by the Pew Research Centre in the United States. There are of course scores of other digitally networked forms that should be explored further. Online activities can have many or no differences to offline activities – it really depends on the activity. For example there are online activities that are the virtual versions of offline activities – such as signing an online petition (and which are not really “new” participatory phenomena), and there are online activities that have been enabled by the internet, and which may not have an offline equivalent. Posting a political message on your social media profile encouraging your 800 followers to attend a protest event is one of them.

3 – One of the main finding of your work is that “creative” and “expressive” forms of participation are a sort of evolution of the protest repertoire, without really changing its nature: how can you explain this peculiar trait in a sociological perspective?
This is a very interesting development that we are planning to study more extensively in the future. I don’t have a full explanation at hand, but I suspect that it has to do with the growing tendency of individuals to participate less through formal organizations (such as political parties, action groups or social movements) and the rise of a more immediate, individualistic, creative and direct style of participation as an expression of people’s personal identities and concerns.

4 – Throughout the article you make some references to Hypotopia as an example of a renewed form of protest, able to combine different repertoires. What is Hypotopia and which forms of participation involved?
Hypotopia was a protest-project. It was launched by a bunch of architecture students of the University of Viena, who wanted to visualise for the public the size of the Austrian government’s bailout of the Hype Alpe Adria Bank by building a model of a city that could have been built instead with that money. It was the kind of protest through urban intervention, similar to many other manifestations today — such as guerilla gardening — and it involved not only the students’ own political expression, but that of the public’s who helped in its construction, as well as those who tried to build on the success of the project with further actions.

5 – Which will be further developments of your research? Do you plan to expand the comparison to other countries and/or deepen the analysis using a mixed methods perspective?
Our  plans involve comparative research using similar methodologies to the ones used in the EPSR article, as well as further studying the validity of this particular structure and its peculiarities. We plan to experiment with different open-ended questions and look deeper at what citizens understand as political participation today through qualitative methods, and where these new forms of engagement fit with their broader concept of citizenship.


Il web tra populismo e democrazia

Coleman, S. (2017). Can the Internet strenghten Democracy? Polity Press.

41u+5hS7o7L._SX324_BO1,204,203,200_

Stephen Coleman, professore di Political Communication all’università di Leeds, studia il rapporto tra media digitali e politica fin dai primi anni Duemila, concentrando l’attenzione sulle policies, sulle dinamiche della comunicazione politica e sugli scenari di sviluppo della democrazia, in particolare quella deliberativa, all’interno del contesto on line. Ha recentemente pubblicato il saggio Can the Internet strenghten Democracy?, scritto (come si può leggere nella prefazione) a cavallo tra il referendum che ha sancito la vittoria della Brexit e l’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti d’America. La domanda che dà il titolo al libro non scaturisce da questi due eventi, ma certamente è necessario farci i conti per provare a formulare una risposta.

Il saggio è capace di combinare rigore analitico e slancio ideale, per un volume che è utile per leggere l’attualità ma che è anche un appassionato appello ai cittadini di tutte le democrazie: occorre dotarsi di competenze digitali per poter orientarsi all’interno di un mondo così fortemente mediatizzato, sempre in bilico tra (web)populismo e democrazia.

“The Internet does not shape democracy, but, like every medium before it, from the alphabet to television, is shaped by the ways that society chooses to use its available tools”(prefazione)

Per molto tempo gli studiosi di Internet si sono schierati tra ottimisti e pessimisti in un dibattito che verteva su quanto il web fosse democratico in sè. Coleman propone di abbandonare questa prospettiva ontologica, riformulando le domande: come Internet può aiutare le democrazie contemporanee ad affrontare le sfide che si pongono davanti? Ad esempio, come può contribuire a rendere il dibattito politico interessante e degno di importanza agli occhi di milioni di persone che si sentono sempre più distanti? O anche, come può aiutare nuovi soggetti ad entrare in politica ed essere ascoltati senza poter contare su ingenti risorse economiche?

“The first relates to the challenge of making representative institutions more open to public understanding, scrutiny and input. The second relates to the potential of digital technologies to overcome hitherto intractable barriers to political coordination and collective action” (p. 6)

Ma ad un livello ancora più essenziale, la questione riguarda il modello di democrazia che abbiamo in mente.

“Whether the Internet can help to strenghten democracy depends, therefore, upon the kind of democracy we want to strenghten” (p. 27).

Per rispondere a questi interrogativi, Coleman analizza dapprima il contesto della comunicazione politica, attraversato da numerosi cambiamenti. In seguito l’autore elenca le attività comunicative (communicative tasks) che i cittadini del XXI secolo si trovano a compiere ogni giorno, sospinti dallo sviluppo dei media: la condivisione, la ricerca di informazioni, la discussione democratica, l’azione collettiva, la consultazione pubblica ed infine il monitoraggio delle policies.

Tuttavia, avverte l’autore, tali attività possono essere orientate alla costruzione di una cittadinanza democratica compiuta e consapevole, ma possono anche essere dirottate su dinamiche che alimentano il populismo. E’ evidente come nel quadro teorico di Coleman il populismo abbia una connotazione “patologica”, essendo una degenerazione politica e comunicativa che ibrida la democrazia con alcune tendenze tipiche dei regimi autoritari (prime fra tutti la leaderizzazione); su questo punto, a dire il vero, convergono molti altri autori, ma le più recenti teorizzazioni del concetto di populismo tendono invece a descriverlo come un tratto caratteristico di specifici contesti storici, economici e sociali, non necessariamente antidemocratici.

Ad ogni modo, il saggio di Coleman ha il merito di porre la questione della qualità della democrazia in relazione con i mutamenti dell’ecosistema mediale e della comunicazione politica. E’ significativo dunque che il capitolo finale si intitoli proprio Populism or democracy?. La risposta, ancora una volta, risiede nella capacità dei cittadini di emanciparsi dal ruolo di elettori silenziosi e di apprendere una serie di competenze:

  1. capacità di dare senso al mondo politico
  2. capacità di essere aperti allo scambio argomentativo
  3. capacità di essere riconosciuti come qualcuno che conta
  4. capacità di fare la differenza

Naturalmente, come lo stesso autore sottolinea, l’acquisizione di queste capacità non dipende solo dalla buona volontà dei cittadini, ma anche dall’esistenza di un contesto informativo e politico adeguato. Non c’è dubbio, tuttavia, che l’iniziativa spetti ad ognuno di noi: in qualche modo, rovesciando la domanda “Populism or democracy?”, Coleman suggerisce una sorta di “Populism for democracy“, una rifondazione della sovranità popolare nel segno delle competenze digitali, per abitare in una democrazia in perfetta salute.

 


Introduzione agli open data

Sashinskaya, M. (2015). Open Data: All you want to know about.

41ZrrbkbkrL._SX322_BO1,204,203,200_

Il libro Open data: All you want to know about, di Maria Sashinskaya, è un’introduzione critica ad un tema molto in voga, ma spesso trattato con toni entusiastici ed erroneamente sovrapposto a quello dell’open government (che invece è molto più ampio).
Dopo aver passato in rassegna le diverse definizioni di open data adottate nelle policy europee e mondiali, l’autrice affronta le virtù e i rischi dell’apertura dei dati pubblici. Di particolare interesse sono i lati oscuri degli open data, spesso sottovalutati ma di grande importanza nel momento in cui si progettano politiche di governo aperto.
Tra questi, ricordiamo per esempio la possibilità che i dati possano essere manipolati o utilizzati in modo malevolo, ma anche l’esacerbarsi di dinamiche di esclusione digitale, per cui a beneficiare dell’apertura dei dati pubblici non sarebbero i comuni cittadini ma solo quei soggetti che hanno a disposizione risorse economiche e tecniche.
Il libro si conclude con l’analisi delle principali policies europee sugli open data.


Leadership, potere e comunicazione: una proposta analitica

Campus, D. (2016). Lo stile del leader: Decidere e comunicare nelle democrazie contemporanee. Bologna: Il Mulino. 

Il saggio di Donatella Campus recentemente pubblicato dal Mulino rappresenta un tentativo riuscito di coniugare diversi campi del sapere scientifico, in particolare la scienza politica e la comunicazione ma anche la psicologia, per applicarli ad un fenomeno che suscita sempre un grande interesse anche fra i non addetti ai lavori. Il volume analizza in modo puntuale e rigoroso la leadership politica, adottando una prospettiva plurale in grado di identificare i fattori che definiscono lo stile dei leader contemporanei dal punto di vista del modo in cui si prendono le decisioni e di come queste vengono comunicate. Decisione e comunicazione sono infatti le due dimensioni chiave che, insieme alla capacità di relazionarsi con l’ambiente circostante, differenziano i vari leader.

Attraverso una preziosa rassegna di casi di studio (Charles de Gaulle, Pablo Iglesias, Romano Prodi, Margaret Thatcher, Bill Clinton, Matteo Renzi, Ronald Reagan, Angela Merkel, Tony Blair sono i protagonisti del volume), l’autrice analizza le variabili che concorrono a determinare lo stile del leader: i tratti caratteriali, l’adesione più o meno forte ad un’ideologia di riferimento, l’estraneità al modello dominante ed infine il contesto istituzionale e partitico. Basandosi su una casistica esaminata in profondità e su un’estesa letteratura scientifica, Donatella Campus propone un modello analitico per studiare empiricamente lo stile della leadership. Le categorie rintracciate dalla studiosa sono per lo più di tipo oppositivo: leader trasformativo o transazionale, leader ideologico o pragmatico, leader insider o outsider, fino alle diverse forme di leader legate alle forme istituzionali.

Nel capitolo conclusivo l’autrice indica tre direttrici di ricerca per gli studiosi della leadership politica, tre domande ancora aperte che riguardano da vicino i media e i processi culturali: in primo luogo, il rapporto tra i leader e lo spazio pubblico mediatizzato, in cui televisione e social media convivono in un sistema di rimandi reciproci. In secondo luogo, i processi speculari di mediazione e di disintermediazione, che danno forma a scenari comunicativi sempre più vicini al populismo e all’antipolitica. Infine, la degenderizzazione della leadership, tema caro all’autrice e avvicinato più volte nel corso di tutto il testo: nell’auspicare il superamento degli stereotipi di gender legati alla leadership e al potere, Donatella Campus individua l’opportunità per abbattere anche i confini categoriali:

“Insomma, se nella realtà dei fatti abbiamo visto che non sono molti i leader che presentano un mix di hard e soft power, di transazionale e trasformativo, indubbiamente vi è l’esigenza di provare a conciliare stili di leadership che fin qui abbiamo presentato in forma dicotomica. Questo è dovuto a diverse concause: una crisi di fiducia nei modelli tradizionali; come già accennato, una maggiore presenza delle donne, e quindi la necessità di concettualizzare il potere in modo diverso; un affiancarsi di modalità di comunicazione più orizzontali a quelle più tradizionalmente gerarchiche. Sta di fatto che un leader che non sia più solo il comandante in capo, quello che guida e decide, ma anche uno che sa mostrare comprensione e desiderio di trovare soluzioni consensuali piace più che in passato ed è diventato un modello accettato” (p. 180).    

Il libro non offre la ricetta perfetta per vincere le elezioni, ma è uno strumento indispensabile per capire la politica e la comunicazione nelle democrazie contemporanee.


The real cyber war: quale autorità (o responsabilità) hanno gli Stati nel gestire il flusso di informazioni all’interno del loro territorio?

Powers, S., Jablonski, M. (2015). The real Cyber war: The political economy of Internet freedom. Chicago, IL: University of Illinois Press.

real cyber warIl saggio di Shawn Powers e Michael Jablonski offre un punto di vista originale sul tema della libertà di Internet. Secondo gli autori la dottrina che vede Internet come uno spazio pubblico, aperto e libero non è solo mistificatoria ma conduce ad effetti controproducenti: infatti, concepire Internet come spazio pubblico può essere un volano per progettare una democrazia digitale in cui risultano attenuate le consolidate posizioni di potere di alcune grandi aziende, ma al tempo stesso contribuirebbe a legittimare programmi di sorveglianza sui dati e sugli utenti. In altre parole, la tesi degli autori è che occorre considerare Internet come una risorsa che può essere utilizzata per perseguire scopi molto diversi e che per questo è necessario sottoporre ad un attento esame critico le policy, le dichiarazioni e i documenti rilasciati da chi sta disegnando il futuro della rete.

Per tutto il corso del volume Powers e Jablonski combinano la prospettiva geopolitica e quella dell’economia politica: nell’introduzione infatti ripercorrono la storia di Internet e della sua governance, partendo dai primi progetti di collaborazione internazionale per la gestione delle infrastrutture comunicative (ad es. le linee telegrafiche e telefoniche) e arrivando alla nascita di Internet nell’ambito delle strategie militari durante la guerra fredda. Man mano che le informazioni si rivelano sempre di più una risorsa indispensabile per garantire la sicurezza degli Stati, si sviluppa la consapevolezza che la gestione delle infrastrutture e dei dati, benché formalmente di proprietà privata, deve essere tenuta sotto controllo da parte delle istituzioni.

I rapporti tra gli Stati e il mercato di Internet sono esaminati attraverso la lente dell’economia politica, seguendo in particolare la lezione di Vincent Mosco: i capitoli dall’1 al 3 sono dedicati al processo di mercificazione (commodification) delle informazioni in ambito statunitense e riguardano le politiche di intelligence e l’intreccio con le aziende della Silicon Valley (in primis Google); i capitoli 4 e 5 analizzano il processo di spazializzazione dal punto di vista dell’Internet governance a livello internazionale; infine, i capitoli 6 e 7 sono dedicati alla strutturazione, ovvero alla messa in discussione del concetto di sovranità applicato all’informazione e alla nascita di una surveillance society che si sostanzia in diverse sfumature di controllo (i casi esemplari sono Egitto, Cina, Iran e Stati Uniti).

Oltre a suggerire una prospettiva critica sulla dottrina della libertà di Internet e sull’opportunità e i rischi dell’estensione dello spazio pubblico a scapito di quello privato, il saggio si inserisce nelle riflessioni sulla globalizzazione e sul potere degli Stati moderni in un mondo sempre più dominato da quelle che Colin Crouch ha definito “imprese giganti”. Tuttavia, la questione di fondo (se e in che modo gli Stati hanno il potere di esercitare la loro sovranità sui flussi di informazioni) poggia su un assunto che ricorre nel corso del testo in modo superficiale ma che invece meriterebbe ulteriori approfondimenti: gli Stati, vincolati a meccanismi di accountability e di responsiveness, hanno il potere di salvaguardare i diritti dei cittadini?


 

L’innovazione democratica e la partecipazione istituzionale: un’analisi comparativa

Font, J., della Porta, D., Sintomer, Y. (eds. 2014). Participatory Democracy in Southern Europe: Causes, Characteristics, and Consequence. London: Rowman & Littlefield.

53be68ab07a95211bcaff2daIl volume curato da Joan Font, Donatella della Porta e Yves Sintomer presenta i frutti di un progetto di ricerca durato oltre dieci anni volto ad indagare i processi di partecipazione istituzionale in Spagna, Italia e Francia. Questo lavoro è innovativo sotto tre punti di vista:

  • L’oggetto di studio: nell’introduzione gli autori propongono una definizione di partecipazione istituzionale, descrivendola come “qualsiasi attività più o meno formalizzata mirante a coinvolgere la cittadinanza nella discussione delle e nell’adozione di decisioni riguardanti le public policies” (p. 2, TdA). In questo modo viene sottolineato il ruolo delle istituzioni nella promozione della partecipazione civica al decision-making e nella creazione di un quadro di legittimità per le attività deliberative. Se da una parte questa scelta restringe il campo della loro ricerca, dall’altra la decisione di focalizzare l’attenzione su questo tipo di processi accresce l’originalità del loro approccio, distinguendolo da tradizioni di studio più consolidate all’interno della scienza politica e tracciando un nuovo percorso di analisi sull’attivismo civico.
  • La metodologia: La scelta dei ricercatori di evitare l’approccio “risultati eccezionali da casi eccezionali” (p. 7) si traduce nell’analizzare un vasto numero di casi per avere un quadro il più rappresentativo possibile dei processi di partecipazione istituzionale. Gli studiosi hanno analizzato cause, qualità e conseguenze della partecipazione istituzionale attraverso una combinazione di metodi quantitativi e qualitativi.
  • L’ambito geografico: il Sud Europa, considerato da molti politologi e sociologi un laboratorio di democrazia, ma paradossalmente assente dalla maggior parte degli studi sull’innovazione democratica contemporanea.

Il libro costituisce quindi un punto di riferimento ineludibile per quanti vogliano approfondire i processi di democratizzazione nei paesi del Sud Europa e non solo.

 


Democrazia digitale: Internet fa bene alla democrazia?

De Blasio, E. (2014). Democrazia digitale: una piccola introduzione. Roma: Luiss University Press.

Democrazia digitale Non bisogna lasciarsi ingannare dalle apparenze: questa piccola introduzione – come recita il sottotitolo – alla democrazia digitale può guidare il lettore alla scoperta di un mondo dalle mille sfaccettature e in rapido cambiamento, fino a fargli intravedere come sarà il mondo che abiterà nel prossimo futuro. Emiliana De Blasio, vice-direttrice del Centre for Media and Democratic Innovation, è riuscita a condensare in poco più di cento pagine una profonda analisi delle innovazioni democratiche che vedono le tecnologie digitali protagoniste.

Il saggio è suddiviso in tre capitoli. Il primo ripercorre le principali linee di sviluppo di un dibattito iniziato agli albori di Internet e che investe diversi campi: in ambito sociologico, cyber-ottimisti e cyber-pessimisti si sono confrontati sul valore delle tecnologie digitali per la democrazia; in ambito economico, nuovi scenari produttivi e distributivi sono sorti accanto a ben note dinamiche oligopolistiche; infine, in ambito politico, la sfida dell’Internet governance e dell’Internet regulation, che portano le tecnologie digitali al centro del dibattito internazionale e delle relazioni tra istituzioni e giganti del web e dell’economia.

Nel secondo capitolo l’autrice si confronta con le principali tendenze di cambiamento dei sistemi politici consolidati, analizzando più nel dettaglio le forme di partecipazione in rete (vere e presunte) e chiarendo il significato di termini come e-government, open government, e-participation, democrazia diretta e democrazia liquida. In particolare,

“La democrazia digitale è tale quando le tecnologie comunicative coniugano la facilitazione di una partecipazione episodica (il voto) con una pratica deliberativa continuativa, all’interno di una cornice di interconnessione sociale e condivisione dei processi politici” (p. 66).

Sono tanti gli elementi che consentono di parlare appropriatamente di democrazia digitale: utilizzando categorie analitiche in parte stabili nella tradizione politologica e in parte rielaborate in forma originale, Emiliana De Blasio offre un quadro nitido delle potenzialità, delle ingenuità e dei rischi della rete per i processi democratici. Come spesso accade, l’autrice suggerisce che la risposta alla domanda “Internet fa bene alla democrazia?” non può essere condensata in un sì o un no, bensì richiede la complessità che gli scienziati sociali devono esercitare.

Nel terzo e ultimo capitolo, Emiliana De Blasio suggerisce qual è la strada: la nostra attenzione, in quanto studiose/i e in quanto cittadine/i, non deve essere rivolta al mezzo ma alle pratiche, perché sono queste ultime a costituire il tessuto culturale e sociale su cui si reggono le istituzioni. Lo diceva già Anthony Giddens nel 1984 (The constitution of society: Outline of the theory of structuration. Cambridge: Polity Press) ma l’attuale agenda del policy-making sembra aver perso di vista l’obiettivo.

“L’e-democracy non può rappresentare soltanto una modalità di “semplificazione” della vita quotidiana; se essa, infatti, rappresentasse soltanto la possibilità di partecipare alla vita politica restando a casa, votando dal letto o dibattendo dalla poltrona mentre si guarda la tv, essa costituirebbe soltanto uno strumento di crescita dell’apatia sociale, funzionale agli interessi delle oligarchie economiche e politiche. Se essa, invece, diventasse lo stile con cui si attivano forme di cittadinanza sempre aperte, in una logica di connessione globale e continua, allora riusciremmo a passare da quelle democrazie intermittenti e a bassa intensità (Sorice 2014) che costituiscono la norma delle istituzioni politiche occidentali a democrazie a forte vocazione partecipativa. (…) In altre parole, la democrazia digitale di cui parliamo non si fonda semplicisticamente su una sorta di svolta tecnologica ma, invece, su una diversa prospettiva culturale” (pp. 108-109).

Così, studiare la democrazia digitale vuol dire interrogarsi sulla capacità delle nostre democrazie di innovarsi, di sperimentare nuove pratiche partecipative, soprattutto di stampo deliberativo, e di ridare sostanza alle qualità democratiche in un mondo che è già cambiato.


 

Una guida ai mutamenti delle nostre democrazie

 Morlino, L. (2014). Democrazia e mutamenti: Attori, strutture, processi. Roma: Luiss University Press

morlino_cover

“A partire dalla Repubblica di Platone e dalla Politica di Aristotele, uno dei quesiti più ricorrenti nella ricerca politica è stato: Qual è la forma migliore di governo? Più di recente, tale quesito è stato riconsiderato e riformulato all’interno della ricerca empirica come: Qual è una buona democrazia? O, meglio, Cos’è la qualità democratica? Ma il quesito conseguente e ancora più importante è: Qual è il migliore strumento analitico per esplorare e rilevare il perfezionamento e le qualità della democrazia nei diversi paesi?” (p. 185).

Il saggio di Morlino adotta un approccio empirico allo studio della democrazia e dei processi che la caratterizzano, proponendo ed applicando il modello Todem a diversi paesi europei e americani. Il risultato è un lavoro che contiene in sé una esaustiva review della letteratura esistente, di matrice politica e filosofica, sulle diverse concezioni di democrazia; una fondamentale opera di concettualizzazione e definizione dei diversi stadi che compongono il percorso dall’autoritarismo alla democrazia, passando per i regimi ibridi, le crisi, le transizioni, il consolidamento; un rigoroso resoconto metodologico di come viene costruito il Todem e di come può essere applicato; ed infine, un’analisi dei processi politici che ancora oggi influenzano la qualità delle democrazie di vecchio e nuovo corso, attraverso otto dimensioni: rule of law, accountability elettorale, accountability inter-istituzionale, competizione, partecipazione, libertà, uguaglianza e responsiveness.

Lo studio di Morlino in particolare si concentra sulla teoria dell’ancoraggio, che aveva sviluppato per la prima volta nel 1998, in Democracy between Consolidation and Crisis (Oxford University Press; ed. it. 2008, Democrazia tra consolidamento e crisi. Il Mulino): le relazioni tra cittadini ed istituzioni possono percorrere due direzioni, una dal basso verso l’alto attraverso i processi di legittimazione e consenso, l’altra dall’alto verso il basso attraverso i processi di ancoraggio, in cui un ruolo chiave è svolto dai corpi intermedi (come partiti, sindacati, e in un certo senso, anche i media).

“Si può comprendere meglio la metafora se le istituzioni governative cui le persone fanno riferimento sono viste come la ‘nave’ da cui viene l’ancora: la società civile come il terreno cui le ancore sono agganciate; e la nave ha la possibilità effettiva di cambiare e adattare la sua posizione entro i limiti consentiti dalla lunghezza delle ancore, ossia dalle varie istituzioni intermedie” (p. 115).

La metafora dell’ancora è particolarmente efficace, per una serie di ragioni. Innanzitutto, offre un punto di vista dinamico sulla democrazia, non come stato di cose ma come processo in continua trasformazione (ecco perché Morlino preferisce parlare di democratizzazione).

Inoltre, la teoria dell’ancoraggio offre spunti di analisi di forte attualità: sull’evoluzione dei partiti politici e sui problemi della rappresentanza, sul ruolo dei media nei processi di legittimazione e consenso, sulle forme di partecipazione alternative e sui processi deliberativi.

Infine, descrive in modo molto chiaro la complessità e la centralità delle relazioni tra istituzioni, corpi intermedi e cittadini, conferendo a questi ultimi il ruolo di attori protagonisti dei processi di democratizzazione. Concepire la democrazia in quest’ottica significa ampliare lo sguardo, includendo nell’analisi anche dinamiche culturali, sociali e comunicative:

“Nel corso dell’ultimo decennio, abbiamo potuto vedere la presenza di un effettivo processo di apprendimento a livello di élite e di massa, che si è diffuso gradualmente a causa dei fallimenti dei regimi alternativi (…).

In ultima analisi, l’impulso verso il cambiamento politico viene dalla gente, che impara dai propri errori e cambia le proprie abitudini e i propri comportamenti, con tutti gli ostacoli, le distorsioni e i cambiamenti di direzione che una tale trasformazione culturale comporta” (p. 108).

Donatella Selva

Libri

                             
Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.